|  | 

Ritratti al buio

Questo progetto è stato pubblicato sul blog ufficiale di Fujifilm Italia.


Era un afoso pomeriggio d’estate nel mio studio quando io e Mirko ci siamo ritrovati a immaginare un progetto comune. Avendo la possibilità di provare la Fujifilm GFX 50R il nostro desiderio era uno solo: sperimentare per realizzare qualcosa di nuovo e creativo, all’altezza delle potenzialità della macchina fotografica tra le nostre mani.

Dopo svariate tazze di caffè, l’ispirazione è arrivata e in pochi minuti abbiamo scritto il nostro progetto. L’idea era fare dei ritratti a due persone che avremmo scelto l’uno per l’altro, però senza rivelare l’identità dei soggetti fino al giorno dello shooting.

È nato così Ritratti al buio.  


Ci siamo trovati all’interno della stessa stanza, con pochi oggetti di scena a disposizione 2 sessioni da 30 minuti a testa per fotografare una persona che fino a quel momento non avevamo mai conosciuto. Un lavoro puramente istintivo, per nutrire il nostro lato creativo e arricchirci assistendo alle reciproche sessioni di scatto.


La GFX 50 R è semplicemente la macchina migliore al mondo per realizzare un ritratto in studio. Abbiamo avuto modo di utilizzare il 63 mm f 2.8 R WR e il 110 mm f 2 R LM WR. È difficile descrivere la bellezza di scattare con lenti del genere. È un’esperienza che va provata e vissuta intensamente. In particolare lo sfocato così morbido che ti permette di realizzare il 110 mm alla massima apertura è quanto di più si possa chiedere per un ritratto.


.

Articoli simili